In quale misura l’attuazione del modello See-and-Treat potrebbe contribuire alla gestione del sovraffollamento del pronto soccorso? Uno studio descrittivo retrospettivo

Pubblicato: 19 luglio 2023
Abstract Views: 1433
PDF: 664
Publisher's note
All claims expressed in this article are solely those of the authors and do not necessarily represent those of their affiliated organizations, or those of the publisher, the editors and the reviewers. Any product that may be evaluated in this article or claim that may be made by its manufacturer is not guaranteed or endorsed by the publisher.

Autori

Introduzione: il sovraffollamento è la situazione in cui il normale funzionamento dei pronto soccorso (PS) è limitato dalla sproporzione tra la domanda sanitaria, rappresentata dal numero di pazienti in attesa e in carico, e le risorse logistiche, strumentali e professionali disponibili. Tale fenomeno genera conseguenze negative non solo per i pazienti ma anche per gli operatori e per il sistema. Obiettivo dello studio è di valutare il contributo che potrebbe offrire l’attuazione del modello See and Treat in un PS da circa 45000 accessi per anno.

Materiali e Metodi: studio descrittivo retrospettivo. Sono stati analizzati gli accessi registrati presso il PS di un DEA di II° livello – “S. Maria” di Terni – nell’anno 2018, e ne è stata valutata la percentuale eleggibile al percorso See and Treat secondo le indicazioni adottate dalla Regione Toscana.

Risultati: Nel 2018 si sono registrati 41.646 accessi con diagnosi di uscita, di cui 1.272 in codice rosso, 11.074 in codice giallo, 25.129 in codice verde e 4.175 in codice bianco. Sono risultati eleggibili al modello See and Treat 4.846 casi, pari al 11,63% dei casi totali e al 16,53% delle “urgenze minori”.

Discussione: i dati ottenuti mostrano che il modello See and Treat potrebbe contribuire in maniera significativa alla gestione della casistica a bassa priorità in PS, migliorandone il funzionamento.

Conclusioni: le urgenze minori rappresentano la gran parte degli accessi presso il PS. La presenza di infermieri adeguatamente formati può contribuire in maniera significativa alla gestione delle urgenze minori, comportando benefici sia per i professionisti che per gli utenti. Quanto emerso dallo studio può inoltre contribuire a sviluppare il dibattito sulle competenze avanzate dell’infermiere.

Dimensions

Altmetric

PlumX Metrics

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Citations

Bonetti M, Melani C. Il ruolo degli accessi impropri in pronto soccorso nella provincia autonoma di Bolzano. EpiCentro - L'epidemiologia per la sanità pubblica, 2019. (Ultimo accesso 14/04/2023). Disponibile presso: https://www.epicentro.iss.it/ben/2019/aprile/accessi-impropri-ps-bolzano
Bagaglia C, Polcri C. Il problema degli accessi “impropri” in Pronto soccorso: un’indagine antropologica. Scenario 2018;34:25-31.
Ministero della Salute. Linee di indirizzo nazionali per lo sviluppo del piano di gestione del sovraffollamento in pronto soccorso, 2019. (Ultimo accesso 14/04/2023). Disponibile presso: https://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_3143_allegato.pdf
Ferrari G, Destrebecq A, Terzoni S. Riammissioni in Pronto Soccorso: uno studio retrospettivo. Scenario 2019;36:5-11.
Righi L, Oliva G, Brogini S, Becattini G. Il See and Treat toscano: dal Pronto Soccorso alle case della salute. L’Infermiere 2017;4,10-13.
Savioli G, Ceresa IF, Gri N, et al. Emergency Department Overcrowding: Understanding the Factors to Find Corresponding Solutions. J Pers Med 2022;14;12:279.
Salway R, Valenzuela R, Shoenberger J, et al. Emergency Department (ED) overcrowding: Evidence-based answers to frequently asked questions. Rev Méd Clínica Las Condes 2017;28:213-9.
Lovato E, Minniti D, Giacometti M, et al. Il sovraffollamento nel dipartimento di emergenza: efficacia di una strategia multifattoriale isorisorse. Evidence 2013;5:e1000056.
Hoot NR, Aronsky DA. Systematic review of emergency department crowding: causes, effects, and solutions. Ann Emerg Med 2008;52:126-36.
Kenny JF, Chang BC, Hemmert KC. Factors Affecting Emergency Department Crowding. Emerg. Med. Clin. North Am 2020;38:573-87.
Quattrini V, Swan BA. Evaluating care in ED Fast Tracks. J. Emerg Nurs 2011;37:40-6.
Scott I, Vaughan L, Bell D. Effectiveness of acute medical units in hospitals: A systematic review. Int J Qual Health Care 2009;21:397-407.
Bartoloni M. I camici bianchi in piazza: medici e infermieri in fuga dai pronto soccorso e i morti raddoppiano. Il Sole 24 ore, 17 Nov 2022. (Ultimo accesso 14/04/2023). Disponibile presso: https://www.ilsole24ore.com/art/i-camici-bianchi-piazza-medici-e-infermieri-fuga-pronto-soccorso-e-morti-raddoppiano-AEyQXfHC?refresh_ce=1)
Regione Toscana. Delibera n. 958 del 17 dicembre 2007. Proposta di sperimentazione del modello “See and Treat” in Pronto Soccorso come modello di risposta assistenziale alle urgenze minori. Approvazione documento.
Radice C, Ghinaglia M, Doneda R, Bollini G. “See and Treat” in Pronto Soccorso: aspetti legali e responsabilità professionale infermieristica. Prof Inferm 2013;66:175-81.
Regione Toscana. Delibera n. 449 del 31 marzo 2010. Revisione del progetto di sperimentazione del modello “See and Treat” in Pronto Soccorso.
Ministero della salute. Linee di indirizzo nazionali sul triage intraospedaliero, 2019. (Ultimo accesso 12/04/2023). Disponibile presso: https://www.salute.gov.it/imgs/C_17_notizie_3849_listaFile_itemName_1_file.pdf
Rosselli A, Becattini G, Cappugi M, et al. See & Treat. Protocolli medico-infermieristici: la sperimentazione toscana nei pronto soccorso. Giunti Editore, 2012
World Medical Association. Dichiarazione di Helsinki Principi etici per la ricerca biomedica che coinvolge gli esseri umani. Evidence 2013;5:e1000059.
Righi L, Trapassi S, Ramacciani Isemann C, Becattini G. Risposta assistenziale alle urgenze minori in pronto soccorso: studio retrospettivo sui percorsi See and Treat nella zona senese della USL Toscana sud est. Scenario 2019;36:17-20.
Righi L, Lodola J, Ronchese F, Trapassi S. Le urgenze minori in pronto soccorso: analisi del percorso See and Treat all'interno del Presidio Ospedaliero Misericordia di Grosseto. L’Infermiere 2020;57:1-3.
Rogers T, Ross N, Spooner D. Evaluation of a 'See and Treat' pilot study introduced to an emergency department. Accid Emerg Nurs 2004;12:24-7.
Carter EJ, Pouch SM, Larson EL. The Relationship Between Emergency Department Crowding and Patient Outcomes: A Systematic Review. J Nurs Sch 2014;46:106-115.
Hulse AL. A multidisciplinary learning approach: a narrative review. Br J Nurs 2022;31:364-70.
Booker MJ, Shaw AR, Purdy S. Why do patients with ‘primary care sensitive’ problems access ambulance services? A systematic mapping review of the literature. BMJ Open 2015;5:e007726.
Campagna S, Conti A, Dimonte V, et al. Emergency Department Visits Before, After and During Integrated Home Care: A Time Series Analyses in Italy. Int J Health Policy Manag 2022;11:3012-8.
Colombo A, Bassani G. Carenza di medici: ma per quale SSN? Dati, riflessioni e proposte dalla formazione. Igiene e Sanità Pubblica 2019;75:385-402.

Come citare

Di Nardo, V., Caroli, G., Del Grande, A., & Di Nardo, L. (2023). In quale misura l’attuazione del modello <i>See-and-Treat</i> potrebbe contribuire alla gestione del sovraffollamento del pronto soccorso? Uno studio descrittivo retrospettivo. Scenario® - Il Nursing Nella Sopravvivenza, 40(2). https://doi.org/10.4081/scenario.2023.559