L’insorgenza di lesioni da pressione nella fase intraoperatoria

Ricevuto: 30 maggio 2018
Accettato: 30 maggio 2018
Pubblicato: 30 maggio 2018
Abstract Views: 325
PDF: 713
Publisher's note
All claims expressed in this article are solely those of the authors and do not necessarily represent those of their affiliated organizations, or those of the publisher, the editors and the reviewers. Any product that may be evaluated in this article or claim that may be made by its manufacturer is not guaranteed or endorsed by the publisher.

Autori

Introduzione: i pazienti che si sottopongono a lunghe procedure chirurgiche sono a rischio di sviluppare lesioni da pressione (LDP). Le lesioni del tessuto sottocutaneo, tra prominenze ossee e tavolo operatorio, si verificano tra la prima ora e a 4-6 ore dopo il mantenimento continuativo della medesima posizione. In particolare, il rischio si presenta per tempi di immobilità superiori alle 2 ore.
I fattori che aumentano il rischio di lesioni durante l'intervento sono obesità e magrezza estrema, età superiore a 70 anni, patologie preesistenti quali diabete, ipertensione e immunodeficienza, pregresse lesioni cutanee o lesioni da pressione e storia di tabagismo.

Dimensions

Altmetric

PlumX Metrics

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Citations

Agenzie di supporto

Come citare

Sireno, I., Bonalumi, S., Consonni, D., Laquintana, D., & Accardi, R. (2018). L’insorgenza di lesioni da pressione nella fase intraoperatoria. Scenario® - Il Nursing Nella Sopravvivenza, 30(3), 26–30. https://doi.org/10.4081/scenario.2013.138