Testing operativo del deflussore a gravità Intrafix ® SafeSet

Nicola Ramacciati, Alessia De Angelis, Ilaria Bernardini, Andrea Ceccagnoli, Gianluca Ontari, Claudia Grassini, Sara Urli, Mirco Pagnotta, Mario Marinelli, Manuela Pioppo

Abstract

Introduzione: La somministrazione di farmaci per via endovenosa è uno degli interventi infermieristici più frequenti nella cura quotidiana. Si stima, infatti, che circa il 80% dei pazienti richiede qualche forma di terapia endovenosa.
Obiettivo: Lo scopo di questo studio è testare un dispositivo per l’infusione a gravità con nuove caratteristiche: una membrana filtrante idrofila che mantiene il deflussore completamente riempito di
liquido, fermando l’aria in caso svuotamento della camera di gocciolamento e un cappuccio protettivo rivestito con un membrana idrofoba, posizionata sul raccordo Luer Lock, che impedisce la fuoriuscita di liquidi e protegge contro la contaminazione.
Materiali e Metodi: Una valutazione comparativa tra i due dispositivi di infusione di gravità (Intrafix® Safeset vs dispositivo di infusione standard) è stato condotto con un questionario ad hoc composto da 16 items. 100 infermieri provenienti da 14 diverse aree (medico, chirurgica e specialistica) di un ospedale universitario italiano sono stati arruolati come tester.
Risultati: Il nuovo dispositivo ha ricevuto una valutazione positiva statisticamente significativo per ciascuno degli endpoint primari di prova: facilità d’uso, sicurezza del paziente e dell’operatore e risparmio di tempo.
Discussione: Un dispositivo di infusione gravità, che incorpora un sistema di bloccaggio di ingresso aria e di fuoriuscita di liquidi dalla tubo di infusione può garantire una maggiore sicurezza degli operatori e pazienti e risparmiare il tempo assistenziale.

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.